La rivista Aspirina diventa “Erbacce”

di Alessandra Pigliaru

Alias/il manifesto | 23 marzo 2019

Dopo trent’anni la rivista femminista e umoristica «Aspirina» deve rinunciare al proprio nome per via dell’attacco ricevuto dal colosso farmaceutico Bayer, produttore della pillola omonima. Sembra uno scherzo, in tempi oscuri come questi, eppure una entità pachidermica come Bayer che riesce a spendere 66 miliardi di dollari per acquisire Monsanto è, al contempo, molto interessata all’esistenza di un progetto che racconta la realtà attraverso fumetti, video e racconti satirici. A causa di tale indigeribile disappunto, nel novembre del 2017 i padroni della multinazionale tedesca hanno pensato bene, in barba a regolare registrazione di marchio da parte della Libreria delle donne di Milano che editava la rivista, di protestare per l’uso improprio del nome.
Continua a leggere…

 

Le pagine di Erbacce contrassegnate da copyright sono protette e non riproducibili in nessun modo. Tutte le altre immagini e i testi di Erbacce sono rilasciati con licenza
Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 3.0 Unported License
Licenza Creative Commons