Io e la natura | 26° puntata

Cronache di una cittadina trapiantata su un selvaggio bricco del cuneese

di Manù

 

10 aprile 2022

Per un lungo periodo un’ordinanza comunale aveva vietato di fare fuochi, in parte per l’inquinamento ambientale e in parte per la grande siccità di questo inverno.
Dal primo aprile, con la condizione che piovesse, è di nuovo permesso.
Dal momento che non solo è piovuto, ma sono scesi anche 20 centimetri di neve, ho iniziato a prepararmi psicologicamente ad accendere un fuoco, cosa che mi fa sempre molta paura, ma avendo fatto pulizia qua e là per le rive il quantitativo di foglie e sterpaglie che ho accumulato è veramente notevole.
Ma tira vento da giorni e stavo giusto pensando che fosse da pazzi bruciare le foglie con quelle condizioni, quando alzo lo sguardo e vedo sulla montagna di fronte una colonna di fumo.
Penso, – toh, guarda, c’è chi non si preoccupa del vento – ma poi guardando meglio mi rendo conto che tutto quel fumo non può essere solo il risultato di un mucchio di foglie che brucia.
Un incendio.

 

Dopo qualche ora dalla mia posizione potevo vedere più focolai sparsi sul fianco della montagna e la sera il fuoco aveva ormai raggiunto il versante della montagna affianco.
Il mattino dopo la situazione è ancora molto critica, sento i motori dei canadair che vanno e vengono nel tentativo di domarlo.
In poche ore centinaia di ettari di bosco sono andati distrutti, probabilmente decine di animali sono morti e non si sa a chi dire grazie.
Penso che troverò un altro modo per smaltire foglie e sterpaglie.

 

 

Le pagine di Erbacce contrassegnate da copyright sono protette e non riproducibili in nessun modo. Tutte le altre immagini e i testi di Erbacce sono rilasciati con licenza
Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 3.0 Unported License
Licenza Creative Commons